Vino Chiarandà

Donnafugata

3 disponibili

28,00

Aggiungi alla lista desideri
Aggiungi alla lista desideri
  • Fatto Free return within 14 days
  • Fatto Italy delivery in 3 days. 6 days in Europe
  • Fatto Fast & secure checkout

Descrizione

Tra i vini più apprezzati e tra le etichette più famose dell’azienda di Donnafugata c’è un bianco morbido e corposo come il Chiarandà, uno Chardonnay 100% con un aroma ricco e profondo, capace di distinguersi subito come uno dei dell’eccellenza della produzione dell’azienda siciliana. Prodotto dal 1992, è oggi un vero e proprio simbolo dello Chardonnay dell’isola, che prende il nome dal vigneto Chiarandà del Merlo, situato nella tenuta di Contessa Ermellina.

Per generare un vino di altissima qualità, il processo di produzione delle bottiglie parte dalla attenta selezione delle migliori uve Chardonnay, raccolte di notte a partire dalla seconda metà di agosto. Successivamente, le uve vengono affinate per 6 mesi sulle fecce nobili, con passaggio in barriques e tonneaux. Il risultato di questo processo è un vino bianco particolarmente apprezzato in ogni occasione, ma capace di essere ben rappresentato nelle manifestazioni più importanti, con le sue suggestioni aromatiche che si incontrano facilmente fin dal primo assaggio.

Verso in un grande calice, il vino ha un colore giallo dorato piuttosto luminoso, mentre il suo bouquet ricorda sentori di frutta tropicale e gialla, glicine e vaniglia. Il gusto al palato è avvolgente, lungo e persistente, senza mai perdere la sua morbidezza.

Per degustare il vino al meglio, è consigliabile lasciarlo respirare per almeno 15 minuti. Si può bere anche subito, o dopo averlo messo in cantina, anche per diversi anni. I suoi abbinamenti sono ricchi: si pensi ai primi piatti con verdure, ai risotti ai frutti di mare, al pesce alla griglia o affumicato, alle carni bianche in umido.

Dettagli

Brand

Tipologia

Varietà

Classificazione

Zona

Gradazione

13,5%

Annata

2018

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Vino Chiarandà”